Olivia porta a Firenze menu e prodotti che celebrano l’olio del Frantoio Santa Téa

, , News

Nel menu di Olivia, a Firenze, i piatti prendono forma, dall’antipasto fino ai cioccolatini, partendo dall’olio extravergine del Frantoio Santa Téa


Condividi:

È oliocentrico Olivia, il locale di Piazza Pitti nato da un’idea di Serena Gonnelli, proprietaria insieme alla famiglia del Frantoio di Santa Téa di Reggello. Un podere che conta 43.000 olivi certificato da Agricoltura Biologica, dove si coltivano e spremono olive dal 1585 e che nel 1962 ha visto l’installazione del primo impianto al mondo a centrifuga, dando inizio a una svolta nella qualità dei sistemi di produzione olearia. Il concept di Olivia, dove anche gli elementi d’arredo son a tema, uno su tutti la lampada realizzata con le reti per la raccolta delle olive, si sviluppa intorno a tre nuclei. Il negozio in cui si possono acquistare, oltre all’olio del frantoio in 14 gusti e formati, i vari prodotti derivati, sia alimentari che di cosmesi e anche libri e ricettari. Uno spazio per la diffusione della cultura dell’olio, in cui si organizzano degustazioni, corsi e incontri sui temi che vanno dall’alimentazione, al benessere all’ambiente.




E il ristorante, guidato da Giacomo Piazzesi, che si sviluppa attorno a pietanze semplici, dal ricordo di campagna, a composizione di una carta dove si legge “Lasciati guidare dall’olio”. Piatti che prendono forma, dall’antipasto fino ai cioccolatini, partendo dall’olio extravergine. Si inizia dalla bruschetta “fai da te” da comporre al tavolo, dove l’olio in emulsione, si spalma sul pane dal tubetto, arrivando alle zuppe e alle paste, come i paccheri ripieni con una crema all’olio extravergine, ricotta e pane, conditi con pomodorini confit e una chips di cavolo nero, ritti su una fonduta di pecorino di Pienza. Ma il fulcro del menu è il fritto, simboleggiato dal blend di frittini che comprende cubetti di ribollita, sfere di pecorino, bocconcini di pollo e polpette di chianina. Fritto in cui viene utilizzato solo olio extravergine, inalterato anche a temperature elevate, e che esclude l’uso di pastella e uovo.


Evento: Olivia