Riccardo De Prà. Perché le moeche vanno mangiate direttamente in laguna.
, , Magazine

Video intervista a Riccardo De Prà chef del ristorante Dolada di Plois (BL), 1 Stella Michelin


Condividi:
Tempo di lettura:
1 minuto


Appostati in fondo alla sala, fra gli espositori delle preziose bottiglie della Enoteca Veneta di Conegliano, ci attrae un profumo di bosco, pino e muschio. E’ il distillato che lo chef  Riccardo De Prà ha preparato per profumare il suo sashimi di salmerino e che  sua moglie, con molta grazia, sta spruzzando sulle fette di tronco di pino, dove il salmerino è adagiato. Siamo in piena celebrazione del  Prosecco Superiore e a completare la serata di presentazione del Festival Internazionale del Conegliano Valdobbiadene, una cena preparata dallo chef del Dolada di Plois in Pieve d’Alpago, a metà strada fra Venezia e Cortina. Durante la nostra chiacchierata Riccardo ci confida che il suo distillato  ha influssi particolarmente benefici se usato come profumatore d’ambiente, soprattutto in situazioni molto intime. Ecco cos’altro ci ha raccontato.



I piatti della cena in occasione del Festival Internazionale del Conegliano Valdobbiadene.
Uova con asparagi e funghi, sashimi di salmerino ai profumi del bosco, Mec Dolad’s, pesciolini e verdure fritte


Condividi:

Qualcosa di simile