Come si crea un piatto in bianco e nero. Luigi Taglienti a Fish & Chef
, , Magazine


Condividi:
Tempo di lettura:
1 minuto


L’armonia attraverso i contrasti è alla base di un piatto riuscito.  Ma non solo di un piatto. Questa definizione si può benissimo applicare al concetto generale di stile, notoriamente non facile da delimitare. Difficile da esprimere a parole, ma a volte molto più semplice da ritrovare nelle persone. Luigi Taglienti di Trussardi alla Scala impersona proprio questo concetto. Senza analisi troppo approfondite, ma così di primo acchito, anche attraverso i suoi piatti, si deduce la sua innata predisposizione allo stile. L’essenzialità e la pulizia delle sue creazioni, dove tutto quello che è orpello lascia spazio alla qualità e alla peculiarità degli ingredienti, sono anch’esse frutto del suo aplomb quasi d’altri tempi. Lo incontriamo durante la serata d’apertura a Fish & Chef all’Hotel Bellevue San Lorenzo di Malcesine.



Luigi Taglienti Fish & Chef
Ossobuco alla Taglienti
Trota bianca apparentemente nera
Abbinati a Custoza 2013 Cavalchina
Luigi Taglienti Fish & Chef
Insalata di pasta
Trota salmonata all’acetosella
In abbinamento Valpolicella Ripasso 2012 Terre D’Orti
Tartufo nero e tiramisù

Condividi:

Qualcosa di simile